Weightpack: 40 anni di innovazione

Era il 1979 quando Carlo Corniani irrompeva sul mercato con un’intuizione destinata a rivoluzionare le comuni tecniche di riempimento: il peso netto. L’idea era tanto semplice quanto geniale. La quantità di prodotto da imbottigliare non veniva più misurata linearmente “a livello”, ma era pesata con l’eliminazione della tara. Già, un peso non un volume ! Finalmente si garantiva una quantità costante di prodotto, indipendentemente da variazioni di densità e temperatura e svicolandosi anche dalle tolleranze dimensionali dei contenitori.

A quasi quarant’anni dalla sua introduzione, il riempimento a peso netto è considerato lo stato dell’arte del riempimento per precisione e pulizia.

L’assenza di contatto tra valvola e contenitore, nessuno strumento di misura interno alla valvola, hanno consentito a Weightpack di ottimizzare igienicità e fluidodinamica di riempimento. Ecco la magia: prodotti ritenuti difficili da riempire diventano accessibili. Nel solco segnato dal suo fondatore, Weightpack continua a ricercare l’eccellenza, spostando l’asticella dell’innovazione sempre più in alto, fino a raggiungere con macchine rotative un livello di riduzione superiore a Log 6.

Partiamo dall’assunto che, in un processo industriale, i contenitori e i tappi possono giungere alla riempitrice contaminati da una carica batterica di qualche migliaia di UFC (Unità Formanti Colonie). Se si effettua una riduzione logaritmica Log 4, la carica di UFC scende di quattro ordini di grandezza, approssimandosi allo zero. Ma a Weightpack questo non basta: vogliamo dare il meglio ai nostri Clienti, vogliamo la sicurezza. Ecco perché andiamo oltre di due ordini di grandezza. Perché superare i limiti è nel nostro DNA. Qualsiasi rivoluzione tecnologica può dirsi compiuta solo se riesce ad avere un impatto dirompente di cambiamento del modus operandi.

Questo processo passa   attraverso semplificazione e accessibilità e Weightpack lo sa bene. Per questo motivo ha investito con convinzione nello sviluppo di una tecnologia troppo spesso bollata come “elitaria”, eccessivamente costosa e complessa. Il riempimento asettico Log 6 diverrà presto uno standard di settore e Weightpack è già in possesso del know how necessario a renderlo fruibile su vasta scala.

Come Henry Ford ebbe a dire: “C’è vero progresso solo quando i vantaggi di una nuova tecnologia diventano per tutti”.

www.weightpack.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...