Freschezza automatica

Controllo efficiente delle linee di imballaggio per patatine

L’ottimizzazione dei singoli componenti di una macchina è in grado di aumentare la produttività dell’intero impianto in maniera significativa. In molti casi la Direttiva Macchine 2006/42/CE prevede l’esecuzione di un’Analisi dei Rischi e la realizzazione di un progetto di sicurezza qualificato. Pilz, fornitore di soluzioni di sicurezza e automazione globali, ha fornito il proprio supporto ad una rinomata azienda svizzera produttrice di patatine in occasione dell’integrazione di una nuova linea di imballaggio: nell’impianto Zweifel Pomy-Chips AG la sicurezza viene gestita in modo efficace e trasparente dal sistema di automazione PSS 4000.

L’aroma delicatamente speziato di patatine fritte aleggia nell’aria: l’impianto di produzione, lungo circa 200 metri e distribuito su due piani, lavora a pieno ritmo. Zweifel Pomy-Chips AG ha sede a Spreitenbach, nei pressi di Zurigo (Svizzera): in un’ora l’impianto trasforma 5 tonnellate di patate in patatine fritte dai vari gusti. Con quasi 400 dipendenti, l’azienda oltre alle patatine produce numerosi tipi di snack. Zweifel ha sempre dato grande importanza a processi produttivi innovativi in grado di garantire in modo costante l’elevata qualità dei propri prodotti.

I cambiamenti comportano una valutazione dei rischi

Zweifel attualmente sta modernizzando nove linee di imballaggio. L’azienda per tradizione dispone di un vasto know-how nella costruzione di apparecchiature per la produzione. Per questo motivo Zweifel preferisce occuparsi direttamente della progettazione e dell’espansione dei propri impianti produttivi, nonché della loro programmazione. L’appalto degli impianti di imballaggio e trasporto necessari è stato gestito da Zweifel, il sistema di controllo degli impianti era già stato definito.

La connessione tra le singole parti dell’impianto ha comportato la necessità di valutare le interfacce e i collegamenti delle funzioni di arresto di emergenza e renderle compatibili nell’insieme. Anche in questo caso ci si è dovuti attenere a quanto previsto nella Direttiva Macchine 2006/42/CE: le macchine devono essere costruite in modo da garantire a uomini e ambiente un’adeguata protezione contro eventuali danni. Nell’ambito dei trattati bilaterali, anche la Svizzera si è impegnata a rispettare questa Direttiva. I costruttori di macchine e coloro che le mettono in commercio devono redarre una Dichiarazione di Conformità con cui attestano che i propri impianti soddisfano i requisiti minimi previsti. Poiché le Norme da rispettare sono numerose, in questo caso è necessario disporre di un minimo di conoscenze tecniche per andare letteralmente sul sicuro.

Grazie all’interruttore di sicurezza codificato PSENcode di Pilz, con un unico sensore è possibile controllare in modo sicuro ed affidabile due o tre posizioni. (Pilz GmbH & Co. KG)

Supporto per la certificazione CE

„Ci è stato subito chiaro che per questo progetto avevamo bisogno del supporto di un partner competente. Grazie alla lunga collaborazione tra le nostre aziende, conosciamo perfettamente la competenza di Pilz per quanto riguarda la Valutazione dei Rischi e lo sviluppo di progetti di sicurezza affidabili, fino alla fase di certificazione CE“, afferma Gerhard Meier, team leader Servizi Tecnici Zweifel. Operando in stretta collaborazione con l’azienda svizzera, Pilz ha realizzato un sistema orientato alla sicurezza avente come oggetto l’elaborazione di soluzioni meccaniche, elettriche e di ingegneria per la sicurezza delle macchine. Le componenti essenziali del progetto sono l’applicazione di Norme e Direttive allo stato dell’arte della tecnologia, la definizione del Safety Integrity Level (SIL) o del Performance Level (PL) e il rispetto della disponibilità e della produttività delle macchine, compresi gli aspetti relativi alla sicurezza. Zweifel era alla ricerca di un sistema di sicurezza potente in grado di connettersi e controllare in maniera parallela ma indipendente dal sistema di controllo dell’impianto lo scambio di segnali rilevanti per la sicurezza. I requisiti fondamentali erano che il dispositivo potesse essere integrato nella rete, fosse affidabile e semplice da programmare così come da utilizzare nella quotidianità.

Sistema di automazione PSS 4000

Le patatine appena fritte vengono convogliate tramite un canale alle nuove linee di imballaggio. Uno sportello a comando pneumatico si apre e le patatine raggiungono le macchine per imballaggio a funzionamento automatico. In brevissimo tempo le patatine vengono insacchettate, e una volta imballate in cartoni per il trasporto sono pronte per essere vendute. Il sistema di controllo configurabile PNOZmulti di Pilz in uso gestiva la sicurezza dell’impianto. Più grandi sono gli impianti e più complesse sono le applicazioni, tanto più l’impiego di sistemi completi e modulari efficienti e convenienti come PSS 4000 si rivela vantaggioso: questi sistemi offrono infatti anche la possibilità di combinare funzioni di sicurezza e automazione in modo pratico. „Seguivamo da molto tempo con estremo interesse lo sviluppo e l’arrivo sul mercato del sistema di automazione PSS 4000. Dopo aver eseguito un’analisi interna costi-benefici di entrambi i sistemi, siamo giunti alla conclusione che per noi era arrivato il momento di implementare PSS 4000“, spiega Gerhard Meier.

 

Gli interruttori di sicurezza magnetici PSENmag di Pilz gestiscono il controllo della posizione. (Pilz GmbH & Co. KG)

Gestione complessiva della sicurezza

Parte centrale della nuova linea di imballaggio, il sistema di automazione PSS 4000 è deputato al controllo di tutte le funzioni di sicurezza e automazione: tra queste, i ripari mobili e intelligenti soluzioni di accesso. I ripari sono equipaggiati con interruttori di sicurezza magnetici PSENmag e interruttori di sicurezza codificati PSENcode di Pilz. Questi ultimi sono utilizzati sia per il controllo della posizione di dispositivi di protezione mobili secondo EN 60947-5-3, sia per il controllo della posizione. Anche i cilindri pneumatici vengono controllati in sicurezza: durante le operazioni di pulizia gli sportelli devono essere chiusi, in caso contrario sussiste un elevato pericolo di lesioni. Anche i pulsanti di arresto di emergenza posizionati lungo la linea di imballaggio vengono controllati dal sistema di automazione. L’azienda ha curato con particolare attenzione la realizzazione di quattro circuiti di sicurezza autonomi. In questo modo non è necessario arrestare l’intero impianto in caso di operazioni di pulizia di una determinata parte.

Il sistema di automazione PSS 4000 per la gestione di funzioni di sicurezza e automazione permette l’interazione ottimale di componenti hardware e software, dispositivi di rete ed Ethernet real-time. Poiché in questo modo è possibile suddividere e spostare le funzioni di controllo nella periferia, il sistema permette di realizzare molteplici progetti in modo più flessibile e semplice rispetto all’impiego di soluzioni convenzionali. Il sistema di automazione Pilz permette di utilizzare un programma applicativo modulare in un progetto anziché un sistema di controllo centralizzato. La gestione del progetto risulta così omogenea e semplificata. Il sistema di automazione Pilz, che può gestire sia funzioni di sicurezza che di automazione, è già utilizzato con successo in numerose applicazioni nei più diversi settori industriali.

„La scelta del sistema di automazione PSS 4000 è basata su caratteristiche e vantaggi decisivi: semplicità, drastica riduzione dei costi di cablaggio, comunicazione chiara, competenze specifiche e non ultimo l’ottimo rapporto prezzo-prestazioni“, sottolinea Gerhard Meier. La comunicazione con il sistema dell’impianto e il sistema bus esistente Modbus TCP avviene in modo estremamente fluido. Un’ulteriore caratteristica decisiva per la scelta del sistema di automazione è stata la possibilità di collegare la piattaforma software PAS4000 con il suo editor grafico alla struttura di PNOZmulti Configurator, già conosciuta e in uso. La parametrizzazione avviene in modo semplice e trasparente, una garanzia anche per il futuro.

Zweifel ha dato inizio all’intero progetto delle linee di imballaggio nell’autunno del 2012, e alla fine del 2013 l’impianto era in funzione. „Come sempre la partnership con Pilz si è rivelata professionale e proficua. Pilz ci ha fornito il proprio supporto prima, durante e dopo la messa in servizio, con prodotti straordinari e servizi di consulenza e assistenza competenti“, conclude Gerhard Meier. Una collaborazione, quella tra Pilz e Zweifel, destinata sicuramente a continuare anche in futuro.

Per info, clicca quihttps://www.itfoodonline.com/it/catalog/automation/pilzitalia/PILZ%20ITALIA%20SRL

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...